Archivi di Lecco > archivi di lecco e della provincia 2006
1824-7059-2006
Prezzo:  25,00 € carrello

ISBN 1824-7059-2006


Formato 17x24 cm.
104 pagine
Ricca iconografia a colori

Stampa  la Scheda Libro

stampante

Autori Vari
ARCHIVI DI LECCO E DELLA PROVINCIA 2006
Rivista trimestrale di arte, storia, letteratura, musica, folklore e personaggi del territorio
Distribuzione solo in abbonamento postale 4 numeri all'anno.


INDICE DEI NUMERI USCITI NELL’ANNO

Anno XXIX, n° 4/2006

-Marco Sampietro, Le (dis)avventure valsassinesi di Massimo D'Azeglio,
-Michela Tamola, L'oratorio di San Giorgio di Crebbio a Mandello del Lario nei documenti dal 1461 al 1600,
-Oleg Zastrow, Antichi coui lavorati e decorati. Un patrimonio artistico derelitto e ignorato,
-Emilio Amigoni, La chiesa di Somasca prima di San Girolamo. Appunti sulla situazione religiosa dell'alta Val San Martino nei secoli XV-XVI,
-Carlo Tremolada, Antonio Ghislanzoni e il palco nel Teatro di Lecco. Una vicenda poco edificante per la sua città,
-Notiziario,
-Recensioni e segnalazioni,

Anno XXIX, n° 3/2006 – numero monografico

Elena Gerosa, UN SECOLO DI VITA OSPEDALIERA A MERATE 1845-1950
-Introduzione,
-L'"Ospitale dei poveri": dall'idea alla realtà La tradizione assistenziale a Merate fra carità e beneficenza,
-Il testamento di Giovanni Battista Cerri e l'"Ospitale dei poveri",
-Il testamento di Felice Cerri e la vertenza giudiziaria. La scelta della sede,
-La realizzazione pratica e l'apertura dell'Ospedale. Il regolamento,
-L'Ospitale di via Sant'Ambrogio dall'apertura al trasferimento nella nuova sede (1845-1877)
-L'attivazione dell'Ospedale tra entusiasmi e difficoltà. 1861: il passaggio di consegne,
-Le malattie dei poveri. Cause di ricovero e metodi di cura, -Il regolamento del 1685,
-I nuovi lasciti e le ragioni del nuovo Ospedale,
-Dall'Ospedale comunale all'Ospedale di circolo (1880-1930)
-La vita ospedaliera tra fine Ottocento e inizio Novecento,
-L'Istituto Terzaghi,
-La questione del decentramento ospedaliero,
-L'Ospedale dal 1930 al 1950 e gli sviluppi successivi
-L'attività dell'Ospedale tra le due guerre,
-Dal Dopoguerra a oggi,
-Fonti,
-Bibliografia,
-Notiziario,
-Recensioni e segnalazioni,

Anno XXIX, n° 2/2006

.Angelo Borghi, Il romanico delle riforme. Il battistero di Oggiono e le costruzioni religiose nel lecchese dei secoli XI-XII,
.P. Maurizio Brioli crs., Il padre somasco Pietro Rottigni fra riforme e rivoluzioni. Note d'archivio,
.Lozenzo Brusetti, Massimo Cogliati, Le piene del torrente Gandaloglio tra Seicento e Settencesco. Un esempio di gestione del territorio,
.Francesco D'Alessio, Serponti di Mirasole. Vicende di un grande casato lecchese tra Varenna, Milano e Germanedo,
.Notiziario,
.Recenzioni e segnalazioni,

Anno XXIX, n° 1/2006

-Aurelio dell'Oro, Stefano Ticcozzi (1762-1836), Formazione e carriera di un sacerdote giacobino,
-Edoardo Demo, Mercanti, archivi e palazzi. Gli Stoppa di Bellano a Verona,
-Fabio Fazzini, Massimo Spreafico, Una dimora neoclassica in Brianza: villa Coja a Missaglia,
-Wilma Milani, Carlo Adamoli, storia di un emigrante valsassinese,
-Gianfranco Scotti, Una rara edizione pirata francese de "I Promessi Sposi",
-Franco Monteforte, Tra Lecco e Trezzo. La parabola storica di un territorio di confine,
-Notiziario,
-Recenzioni e segnalazioni,

Archivi di Lecco si rinnova e diventa Archivi di Lecco e della Provincia per sottolineare la sua funzione di punto di riferimento culturale al servizio di tutto il nostro territorio. Con l'edizione rinnovata della rivista si apre un nuovo capitolo, frutto della collaborazione fra:

Distribuzione solo in abbonamento postale 4 numeri all'anno. - l'Associazione Bovara che continuerà a curarne i contenuti e la redazione scientifica
- il fondatore Aroldo Benini che manterrà la funzione di Direttore Responsabile
- la Cattaneo Paolo Grafiche srl che subentrerà come Editore mettendo al servizio della rivista la propria esperienza nel settore.
Il trascorso della rivista (dal 1978, 100 numeri nei quali sono stati esplorati i campi di storia, arte, letteratura, musica, folclore del territorio lecchese) troverà un ulteriore sviluppo con la nuova serie.
Lecco e la sua Provincia dispongono, oggi ancor più, di un testimone fedele della loro storia e della loro cultura.